Tra secolo breve e tempo di virus

Era l'inizio del secolo breve erano i nonni e i fratelli dei nonni un'intera generazione di giovani i loro sogni rotti a vent'anni le vite spezzate da raffiche di guerra mondiale. Bambini eravamo nipoti dei nonni cresciuti in famiglie a lutto vestite e i nostri giochi e i sogni ancora infranti spezzati spazzati rapiti da... Continue Reading →

Oh Maria!

Con negli occhi e nel cuore  la tua preghiera canto dell'amore  cui le angeliche vibranti voci di Sarah, Amira e altre  dan splendore  non lasciarci al famelico male invisibile  che ci segue e non vediamo ma che sentiamo  nella pungente sua presenza  a noi intorno fa che il figlio ci conforti  lui che altro male vince ... Continue Reading →

Male di virus

D'angoscia colmi son stati gli anni nostri primi con l'eco di obici e coprifuochi e sirene che come brivido laceravano i giorni e le notti gli uomini agli uomini ostili. Mai più si diceva! E come entrato nel cuore era l'accordo conchiuso a Parigi. Pace era il grido! Ma dopo reiterati progressi lampi di abbaglianti... Continue Reading →

Preghiera virus ma San Crescentin

Oh! San Crescentin t'avem pres da Tiferne  mille an fa ch'era d'inverne perché eri famos per chel dragon ch'avevi masat sa'l tu spadon no t'avem dat un bel dom e t'avem fat d'Urbin patron el prim de giugn è la tu festa e la cità è tutta mesta te c'è protet da pest e guerre... Continue Reading →

Il mondo a soqquadro

Quel giorno la radio, la televisione e i giornali avevano annunciato la scoperta di un nuovo pianeta nel sistema solare. Un pianeta che finora si era celato a tutti gli strumenti di osservazione. Ma com’era possibile? O il pianeta era composto di una miscela di gas e quindi di una consistenza molto inferiore ai pianeti... Continue Reading →

Disavventure di un aspirante scrittore

C’era stato un periodo molto prolifico della sua vita. Scriveva con disinvoltura, come se qualcuno gli dettasse dentro e gli spingesse la mano sul foglio. Sono stati giorni felici, ma poi le cose sono cambiate. Tra impegni inattesi e grattacapi di vario genere si era deconcentrato e non riusciva a trovare un po’ di tempo... Continue Reading →

Sonata a tre strumenti

C’è per ognuno un flauto che al mattino suona allegro l’inno della vita.   C’è per ognuno un tamburo che batte forte il tempo di ogni giorno.   C’è per ognuno un violino che piange stanco le ombre della sera.

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑