Preghiera virus ma San Crescentin

Oh! San Crescentin t’avem pres da Tiferne 

mille an fa ch’era d’inverne

perché eri famos per chel dragon

ch’avevi masat sa’l tu spadon

no t’avem dat un bel dom

e t’avem fat d’Urbin patron

el prim de giugn è la tu festa

e la cità è tutta mesta

te c’è protet da pest e guerre

in cità e tle nostre terre.

Mo ades te preghem San Crescentin

arsalva ancora ma no’ d’Urbin.

Te se’l nostre protetor

dà na mana ma i dotor

 ce gira intorne un mez draghin

che manch en se ved da quant è pcin

mo ce fa un sac de dan 

perché ce chiappa per afan

è peg dla peste del Trecent

e anche de quella del Seicent.

Almen quelle colpiven na sol cità

mentre questa salta de qua e de dla

e tra un salt e un giratond

ha stes a terra tut el mond.

Sta a senti San Crescentin

arsalva ancora ma no d’Urbin

da tre mesi dalle nostre cas

en metem fora manch el nas

da tre mes en s’apre na porta

e la città par mezza morta

vie e pias en na desolasion

perché en se veden le person

e di’ ch’era l’an de Rafael

el nostre artista del gran pnel

e s’aspetava tanta gent

da tutti cinque i continent.

Sta a senti’ San Crescentin

fac contenti un cuncinin

vien fora dal tu Dom

prend in man el tu spadon

mena fort quattre fendent

da rompa tut i dent

ma  chel virus del diavle

cercle in piassa sotta i tavle

dai la caccia per le scalet

mandle via da sotta i tet

taile tut a cuncinin

com se fa sa’l spesatin

buttle gio’ dai torion

per i grep a rotulon

fal stane’ dai nascondin

per cacial via d’Urbin.

Confidam in te San Crescentin

sta a senti’ ancora un cuncin

tanti urbinati en s’en più visti

en sparitti anch i turisti

en fugitti tut i student

e in cità en c’è più gnent.

San Crescentin fa arni’ un Rinasciment

dai, fam un po’ content

arporta gent sensa cuffie ma la bocca

sensa ste atent che qualcun ce tocca

e sensa tutte ste distans

che ormai c’n’avem d”avans

arporta in tutti l’armonia

che ste virus c’ha portat via

ardac le stret de man i abrac

che sensa en potem stac

arporta i schers i basc e le cares’

ch’en ce facem pio’ da un gran bel pes.

E scusa San Crescentin

ch’ho disturbat per un bel cuncin.

Sa sta lunga filastrocca

me s’è asciugata ancha la bocca!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: